Accertamento Tecnico Preventivo: guida e facsimile

Hai subìto dei danni all’appartamento e non puoi attendere l’instaurazione di una causa ordinaria per la verifica dello stato dei luoghi e hai bisogno urgentemente di effettuare i lavori di riparazione? Puoi ricorrere all’Accertamento Tecnico Preventivo.

Che cosa è

L’Accertamento Tecnico Preventivo (ATP), ex. art. 696 c.p.c, è uno strumento processuale di tipo cautelare di istruzione preventiva al quale è possibile ricorrere in situazioni di emergenza al fine di verificare, prima del giudizio, lo stato dei luoghi, la qualità o la condizione di cose; trattasi di verifiche che non possono essere ritardate atteso che le condizioni dei luoghi o delle cose potrebbero variare nell’attesa dei lunghi tempi necessari per l’espletamento, in un giudizio ordinario, di una consulenza tecnica d’ufficio.

Il procedimento

L’ATP, ai sensi dell’art. 693 c.p.c. si instaura con ricorso da depositare nella cancelleria del Giudice che ne sarebbe competente a conoscere la causa di merito: tribunale in composizione monocratica o giudice di pace; trattasi di una competenza inderogabile. In caso di eccezionale urgenza il ricorso può essere proposto davanti al tribunale del luogo in cui la prova deve essere assunta.

Il ricorso deve contenere, pena l’inammissibilità: l’indicazione dei motivi di urgenza che giustificano la richiesta di assunzione preventiva, l’esposizione sommaria delle domande o eccezioni alle quali la prova è preordinata nonché la domanda di merito cui l’atto è finalizzato. Il Presidente del Tribunale o il Giudice di Pace, accertata la ammissibilità e fondatezza del ricorso, fissa, con decreto, l’udienza di comparizione delle parti ed assegna al ricorrente un termine perentorio per la notificazione alla controparte del ricorso e del decreto stesso.

Il Presidente del Tribunale o il Giudice di Pace, all’esito di una cognizione sommaria, provvede sull’istanza del ricorrente attraverso un’ordinanza non impugnabile ex art. 695 c.p.c. designando, se accoglie il ricorso, il giudice che deve provvedervi; contestualmente, nomina il consulente tecnico e fissa la data di inizio delle operazioni peritali volte alla verifica della situazione di fatto esistente. Di contro, se il Presidente del Tribunale o il Giudice di Pace non ravvisa l’esistenza dei presupposti di ammissibilità e fondatezza del ricorso lo rigetta.

Nonostante l’art. 695 c.p.c. definisca espressamente il provvedimento di ammissione preventiva del mezzo istruttorio “non impugnabile” si ritiene esperibile avverso lo stesso il reclamo ex art. 669 terdecies.

Cfr. C. Costituzionale 16 maggio 2008 n. 144

L’ATP si conclude con la liquidazione del compenso al CTU e il deposito della relazione peritale da parte del medesimo. Per quanto concerne le spese del procedimento cautelare di istruzione preventiva, va evidenziato che queste sono anticipate dalla parte ricorrente in via provvisoria ed esclusiva: se il ricorrente non inizia il giudizio di merito, le spese rimangono a suo carico; di contro, se il giudizio di merito viene avviato, le spese sono poste a carico della parte che risulterà soccombente nel giudizio di merito.

Per ragioni di urgenza, l’ATP può essere posto anche in essere in corso di causa: dopo l’inizio del procedimento di merito ma prima della fase istruttoria. Questo accade allorquando la parte ricorrente teme che l’assunzione di una prova rilevante per il procedimento non sarà più disponibile al momento della istruzione ordinaria. Il procedimento in corso di causa segue le stesse regole analizzate per il procedimento instaurato prima della causa.

Nel successivo giudizio di merito, le indagini svolte tramite l’ATP sono comunque sottoposte alla valutazione del giudice di merito, pertanto, saranno acquisite nel giudizio SOLO SE RITENUTE AMMISSIBILI e RILEVANTI.

In poche parole..

L’accertamento tecnico preventivo (ATP) è uno strumento processuale che mira a costituire una prova prima che si instauri un giudizio ordinario. È uno strumento che impedisce la dispersione degli elementi probatori. Ad esempio, se un condomino ha subìto dei danni all’appartamento e non può attendere l’instaurazione di una causa ordinaria per la verifica dello stato dei luoghi e ha bisogno urgentemente di effettuare i lavori di riparazione, può ricorrere all’ATP.

PDF facsimile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *